Lecce Sud

 

Punto di ritrovo: stazione FS di Lecce
lunghezza: 35 km circa 
livello di difficoltà: medio/facile (adatto a tutti)
 
 
Partendo da Lecce, raggiungiamo il limitrofo centro abitato di Cavallino dove ci fermiamo per una visita guidata al suo Museo diffuso, un complesso all’aria aperta che ospita i resti dell’antico insediamento messapico di Cavallino. La cinta fortificata risale alla metà del VI sec. a.C., ma studi archeologici hanno dimostrato l’esistenza di un nucleo risalente all’età del Bronzo. All’ingresso del museo una moderna terrazza alta 10 metri permette di osservare l’area del museo insieme al paesaggio circostante. 
 
Da Cavallino proseguiamo su strade di campagna fino a raggiungere la città fortificata di Acaya. Il borgo, di origine messapica, è stato ristrutturato e dotato di fortificazioni da Giangiacomo dell’Acaya. Di notevole rilievo sono le mura che circondano l’abitato e l’imponente castello.
 
Da Acaya raggiungiamo, su stradine secondarie di campagna, il litorale adriatico a nord di Torre Specchia, dove sostiamo per un bagno rinfrescante e per consumare il pranzo al sacco.
 
Nel pomeriggio facciamo una visita alla Riserva naturale Le Cesine, un ambiente umido tra i più conservati e importanti dell'Italia meridionale, ultimo superstite della vasta zona paludosa e boscosa che si estendeva da Brindisi ad Otranto. L' Oasi WWF Le Cesine  si trova lungo una delle principali rotte migratorie e ospita numerosissimi uccelli acquatici. L'estensione della Riserva naturale Le Cesine è di 380 ettari, ed il suo paesaggio è caratterizzato da dune, area palustre, bosco misto e macchia mediterranea.
 
Dalle Cesine riprendiamo a pedalare verso Lecce che raggiungeremo nel pomeriggio inoltrato attraverso strade secondarie e sentieri sterrati. In città faremo una degustazione di prodotti tipici a cura dell’associazione “Il Formicaio”.
Febbraio 19, 2014